LE DONNE OGGETTO DELLA PUBBLICITà

L’esposizione ossessiva di ragazze giovani, belle, magre un oggetto da usare ed esporre, che tende a sminuire le caratteristiche  di una persona come l’intelligenza, le capacità, o la personalità.Il proprio corpo DI DONNA diventato un oggetto ,donna oca, bella ma stupida .Che ne ditte della pubblicità ?La pubblicità propone oggi una donna vincente e mai stanca,la donna è esageratamente capace ed instancabile, sempre bella, snella e giovane, attenta, amorevole e sorridente. Le donne che ci troviamo in parlamento sono Ex veline, ex prostitute,PORNO STAR .Nell’essenza  del marketing e il tentativo di sfruttare ogni possibile metodo per vendere .Se la donna è oggetto di consumo sessuale, si possono concedere favori (o, addirittura, riconoscere diritti) in cambio di prestazioni sessuali o di altri rapporti del tipo padrone-servo. Qando guardate in tv il viso di una donna sottoposto a un pesante lifting che piange senza però mostrare i tipici lineamenti di una persona che soffre che conseguenze ha nei nostri rapporti con gli altri? Insegniamo ai giovani che è inutile impegnarsi e studiare ma bisogna entrare nell’ordine di idee di essere corpi e menti in vendita? Durante i secoli la donna ha acquistato nella società un ruolo sempre più importante, arrivando alla pari con l’uomo.Simbolo di vita, il corpo femminile viene, purtroppo non di raro aggredito e deturpato anche da coloro che ne dovrebbero essere i custodi e compagni di vita. Le donne sono esseri umani, e quindi,con la stessa dignità, diritti e doveri degli uomini, e non certo pupazzi o creature divine immuni da errori ed esenti da doveri.

In Italia 3 milioni di persone soffrono di anoressia o bulimia, e nel 95% dei casi si tratta di donne  nella fascia d’età che va dai 12 ai 25 anni.Le modelle delle passerelle o le ragazze delle copertine delle riviste, spesso hanno un corpo sottopeso, e non godono di salute fisica come dovrebbero, essendo sottoposte a diete non salutari. Esse stesse sono vittime del modello imposto nel mondo della moda e della pubblicità, e possono avere conseguenze gravi per la loro salute. Alcune di esse giungono alla morte.

In Italia negli ordini professionali o nei posti di comando le donne sono pochissime, così come nel settore della politica e della burocrazia. l’Istat ha notificato un’indagine sulla condizione femminile nel nostro paese, rilevando un livello altissimo di violenza contro le donne. Le vittime di violenze fisiche o sessuali sono 6.743.000, mentre le donne che hanno subito violenze psicologiche dal partner sono 7.134.000. Negli ultimi 12 mesi, oltre un milione e mezzo di donne sono state vittime di violenza sessuale o fisica. Ogni anno 500.000 donne italiane denunciano casi di stupro, di molestie o di tentata violenza. Perché sminuirsi? Perché perdere la propria identità? Perché ridurre la donna ad un corpo senza cervello?Bisogna  cominciare dalle scuole, quando i bambini iniziano ad entrare in relazione con gli altri e a scoprire l’alterità e le differenze.C’è chi chiede dignità e chi se la vende per soldi. Le donne hanno propri diritti, le proprie aspettative e potenzialità debbano essere superati per il benessere di tutta la società. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...